{Knit} FO: Basket yoke pullover

Con mooolta calma posto un progetto iniziato e finito 3 anni fa, il basket yoke pullover!

IMG-78

Questo maglione l’ho visto su knit.wear premiere del 2011 , è della designer Wendy Bernard. La lana che ho usato è una morbidissima alpaca comprata anni fa da Campolmi a Firenze (prima o poi ci tornerò) di questo color cioccolata chiaro…ed è veramente morbida! E’ una marca che non conoscevo, Inca Spun, che tra l’altro da Campolmi ha un prezzo accettabilissimo. Me ne sono avanzati un paio di gomitoli, era talmente morbida che sapevo già di voler fare oltre al maglione anche un bel collo…e così farò, tanto per continuare il mio progetto di destash.

IMG_3476

Al prossimo progetto e buona pasqua a tutti!

Annunci

{Knit} For my little girl

Un simpatico maglioncino anche per l’ultima arrivata, mica posso lasciarla senza!?

Premessa, questo post sarà il primo di una “lunga” serie di diminuzione del mio stash di lane…

Partiamo con la lana: questa la comprai diversi anni fa, almeno 6, da Campolmi a Firenze quando ancora lavoravo là in una delle fughe in pausa pranzo! Una matassa a sconto di un viola abbastanza forte. Devo dire la verità, oggi non comprerei quel colore…chissà a cosa pensavo! Forse a stare troppo coi fiorentini, tutto quel viola…boh!?

Comunque giaceva lì da anni e ora che è arrivata una pupa mi sono decisa ad usarla, lei (la pupa) è chiara di carnagione di capelli e di occhi, questo viola poteva essere un pugno in un occhio e invece le dona, brava bimba!

Ho scelto il modello Snug too di Hinke, un simpatico modello abbastanza semplice con una costruzione un po’ diversa dal solito che utilizza soprattutto la tecnica delle maglie sospese, ma ovviamente con poche pochissime cuciture!! L’unica modifica, se così vogliamo chiamarla è che non ho fatto le asole con l’uncinetto per i bottoni, l’ho semplicemente legato con due treccine lavorate da entrambe le parti.

 

IMG_3372

Al prossimo knittaggio!

{Knit} FO: Socks Kalajoki

Il MIO primo paio di calzini!
MIO perché l’ho fatto io e MIO perché sono un regalo che mi sono auto regalata, e scusate il giuoco di parole.

Mi sono divertita a farli senza magic loop, con i 4 ferri a doppia punta e uno alla volta, come alla vecchia maniera! Anche perché le istruzioni erano spiegate benissimo per i 4 ferri.

L’unico errore che ho fatto è che forse dovevo iniziare la diminuzione delle dita qualche giro dopo, sono leggermente cortini, ma portabilissimi comunque.
Poi con questa giornata uggiosa che c’è fuori, questi sono un bel raggio di sole!

20121127-135024.jpg

20121127-135037.jpg

 

La lana che ho usato è di Campolmi, la Baby, rimasta in ben 3 gomitoli nel mio stash da un regalo ad un’amica.

Qui il pattern su Ravelry.

Nuovi progetti in vista

E’ si, anche se devo ancora andare in ferie e anche se è da poco passato Ferragosto, penso già ai prossimi progetti in lana!

Uno sarà il Basket Yoke Pullover, ho acquistato della lana di alpaca da Campolmi in una gita estiva a Firenze con la famiglia. Sarebbe il primo progetto lavorato top-down e non vedo l’ora di iniziarlo! Pattern che fa parte del libro Knit.Wear 2011, orgogliosa di averlo comprato!

L’altro, nonostante non abbia ancora fatto il campione, penso che sarà Plain and Simple di Veera Välimäki. Mi è stata regalata della lana di alpaca finissima marrone scuro e per raggiungere la quantità necessaria farò delle righe azzurre con la lana di lama di Francesca (ne ho comprata veramente tanta e lo scialle ne ha presa molta meno di quello che credevo!). Pattern, tra l’altro, scaricabile gratuitamente.

Vista la mia pigrizia e la mia lentezza nel fare i lavori a maglia spero davvero di riuscire a portare a termine questi lavori, ne sarei proprio felice! Diciamo che la prendo come una sfida contro me stessa e contro l’enorme capacità di lasciare le cose a metà. In tutto.

Verde acido

Purtroppo la foto non rende giustizia all’acidità di questo verde, meraviglioso a vedersi (non rende giustizia nemmeno al sale e pepe del divano…).
E’ una canottierina laboriosa, un punto traforato abbastanza semplice ma ripetuto sia davanti che dietro.
Proprio l’altra sera davanti a x-factor ne ho fatta una buona parte e l’ho quasi finita. Ovviamente sarà pronta per la prossima estate, a meno che non faccia un ottobre straordinario. Cosa che tra l’altro spero vivamente!
Il modello l’ho preso da un numero di Benissimo dell’estate scorsa, ma non ricordo nè il numero nè il nome del modello…pardonnez moi! Aggiornerò a breve!